banner0
Chiudi

Sparatoria a Caldonazzo. Hormann ha agito, forse, con premeditazione

Giovedì 11 Gennaio - 12:00

Due colpi di pistola in ufficio, un ferito ad un piede e nel baule dell'auto almeno un centinaio di altri proiettili, un coltello e pure una balestra. Non fosse già così difficile di suo la posizione di Ivan Hormann, con quanto ritrovato nella sua auto, un Volvo 50, dai carabinieri le cose si complicano ulteriormente perché si potrebbe profilare l'aggravante della premeditazione. Insomma l'operaio di Mezzolombardo sarebbe partito alla volta dello studio commercialista di Caldonazzo con le più chiare intenzioni di vendicarsi. Non un momento di follia dettato dalla crisi che stava attraversando, ma un piano preparato con tanto di arsenale al seguito.

La nostra Piattaforma multimediale