Movida, tornano gli assembramenti

Giovedì 10 Giugno - 12:24

Ritorna il problema della cosiddetta movida a Trento. Anche ieri, come mercoledì scorso, centinaia di ragazzi si sono ritrovati nella zona del vicolo di Santa Maria Maddalena a Trento. Le denunce del comitato antidegrado del quartiere parlano di urla e schiamazzi fino a tarda notte, con gli angoli delle strade trasformati in orinatoi. Le lamentele dei residenti del centro storico non si limitano al comportamento di ragazzi e ragazze, ma anche al sindaco Ianeselli, reo di non essere intervenuto in maniera più ferma per bloccare il fenomeno. Qualche giorno fa si era svolta una riunione di oltre tre ore tra il sindaco, esercenti, residenti e rappresentati degli studenti assieme al commissario di governo e questore. In questo appuntamento il sindaco Ianselli aveva chiesto a tutti uno sforzo per evitare di ricorrere a nuove e più restrittive ordinanze, ammettendo di vivere come una sconfitta ogni ordinanza restrittiva. Le idee messe sul tavolo prevedevano l’allargamento dei plateatici, la possibilità di servizio solo al tavolo ma anche personale per controllare la clientela e sensibilizzazione per avere comportamenti civili. Proposte alle quali si aggiungono il piano di eventi diffusi in diversi parchi cittadini e l’installazione, per il momento solo promessa, di bagni autopulenti nei luoghi più “caldi” del centro storico. Tutte proposte che devono ancora dare i propri frutti, come dimostrano le immagini di ieri sera. Addirittura il Comitato antidegrado rilancia, sostenendo che nell’azione di assembramento ci sia premeditazione e dolo: "Questa è la dimostrazione del fatto che c'è una sfida da parte dei giovani"

La nostra Piattaforma multimediale

  • 23/06 ore: 07.22

  • 23/06 ore: 06.52

  • 22/06 ore: 20.38

  • 22/06 ore: 20.33

  • 22/06 ore: 20.01

  • 22/06 ore: 19.58

  • 22/06 ore: 19.37

  • 22/06 ore: 18.51

  • 22/06 ore: 13.30

  • 22/06 ore: 12.56