La Portineria de la Paix al servizio di Trento

Giovedì 10 Giugno - 15:40

Un luogo dove fare cultura, trovare aiuto per le piccole necessità della vita quotidiana e soprattutto tornare a incontrarsi per costruire comunità. È questo lo scopo della Portineria de la Paix, il nuovo progetto incardinato nell’omonimo circolo Arci di Passaggio Teatro Osele a Trento, che da qualche settimana si propone come spazio di ripartenza verso un nuovo vivere civile. L’idea nasce da un bando provinciale che sostiene progetti di comunità, e si concretizza nell’incontro tra l’Aps Dulcamara, l’associazione che da tre anni gestisce il circolo, con il comune di Trento e tante altre realtà culturali della città. Cuore dell’iniziativa sono le attività proposte dai volontari - e dalla portinaia Francesca, assunta con i finanziamenti provinciali - che spaziano dalle necessità più pratiche agli appuntamenti culturali e artistici. Ecco quindi i servizi di ritiro pacchi, dog sitting, annaffiatura delle piante, deposito chiavi di casa. Ma porte aperte anche a eventi culturali e sociali che mirano a rendere sempre più stretto e cooperante il tessuto del centro storico. L’iniziativa è stata lodata anche dal sindaco di Trento Franco Ianeselli

La nostra Piattaforma multimediale

  • 23/06 ore: 07.22

  • 23/06 ore: 06.52

  • 22/06 ore: 20.38

  • 22/06 ore: 20.33

  • 22/06 ore: 20.01

  • 22/06 ore: 19.58

  • 22/06 ore: 19.37

  • 22/06 ore: 18.51

  • 22/06 ore: 13.30

  • 22/06 ore: 12.56