La giornata del migrante con il pensiero ai sacerdoti morti per Covid

Domenica 26 Settembre - 11:17

La Chiesa ha celebrato la Giornata del Migrante e del Rifugiato, che è girata attorno al tema "Verso un noi sempre più grande", titolo del messaggio di papa Francesco per quest'occasione. L’arcivescovo di Trento Lauro Tisi ha presieduto in cattedrale alle ore 10 la s. Messa, che ha avuto anche un altro elemento di rilevanza. Nel corso della liturgia sono stati infatti ricordati i vescovi defunti (il 26 settembre 1998 moriva il vescovo Sartori) e i preti morti nell’ultimo anno. Si tratta di una celebrazione officiata solitamente in giorno feriale, nella cripta della cattedrale. Ma in questo particolare anno, in cui sono venuti a mancare ben 20 preti – la maggior parte a causa del Covid - si è pensato di collocare il ricordo nella Messa domenicale, anche per favorire la partecipazione dei parenti dei preti defunti e dei rappresentanti delle comunità in cui i sacerdoti hanno svolto il loro ministero.

La nostra Piattaforma multimediale

  • 26/10 ore: 20.24

  • 26/10 ore: 19.38

  • 26/10 ore: 19.36

  • 26/10 ore: 18.51

  • 26/10 ore: 13.26

  • 26/10 ore: 12.29

  • 26/10 ore: 10.37

  • 26/10 ore: 07.21

  • 26/10 ore: 06.53

  • 26/10 ore: 06.47